Le istantanee di Paola Zazzaretta, uno sguardo intimo su Macerata

Quando abbiamo visto le foto che Paola Zazzaretta, @paola_zaz su Instagram, condivide giorno dopo giorno come sguardi innamorati sulla nostra città, abbiamo pensato subito a Vivian Maier. Zazzaretta non lavora come bambinaia, non abita nella New York degli anni 50, e non ha neanche scattato (per ora) più di 150.000 istantanee. Non ha avuto ancora tempo di dedicare 40 anni alla sua passione. Comunque, se uno confronta i due portfolio, può trovare tantissime somiglianze. Lo diciamo a Paola, “le mie foto non sono paragonabili”, risponde subito. “Era parecchio strana, pero mi ci ritrovo”, riconosce.

Se avete già visto il documentario Finding Vivian Maier, saprete che le migliaia di foto della fotografa statunitense, oggi considerata una delle esponenti più importanti della street photography, sono state ignorate per decenni e poi scoperte, valutate e apprezzate soltanto dopo la sua morte. Un collezionista, John Maloof, scoprì i negativi in un mercatino, un ‘flea market‘ di Chicago, pubblicò una prima raccolta su Flickr, ma nessuno fece una piega. Poi aggiunse anche altre digitalizzazioni dei lavori, e, all’improvviso la risposta giunse entusiasta e virale con l’incoraggiamento della community ad approfondire la sua ricerca .

I ritratti e i paesaggi, gli sguardi di Zazzaretta sulla città sono di una bellezza e verità incontestabili, lo sanno bene quelli che la seguono sui canali social e i giornali e siti che pubblicano e condividono le sue foto. Per quello abbiamo voluto inaugurare con lei la sezione dei ‘cacciatori di bellezza’, ricercatori di meraviglie nella nostra città, fotografi, illustratori, poeti che trovano i tesori quotidiani di Macerata. Paola spiega chi è per chi non la conosce.

“Mi chiamo Paola e da molti anni  vivo in una città bellissima. Sono una mamma, ho un lavoro, ma ho anche la fortuna di potermi concedere ogni giorno il tempo di una passeggiata per le vie di Macerata. E così, strada facendo, mi sono appassionata alla città e ai suoi abitanti. Ho imparato che la bellezza di una città si nasconde ovunque. Dai monumenti, dalle vie, dalle case, si riflette su persone e gesti, colti in quel movimento che rende la città viva, operosa, intensa.  Quella di Macerata è una bellezza discreta ma potente, e ogni attimo di vita nelle strade è poesia del quotidiano. Come probabilmente lo è  in ogni strada di ogni città del mondo. Ma questa è la mia città, ed è così che io la vedo”.    

Ed ecco una piccola selezione delle sue foto, cliccale per ingrandirle.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. appassionato ha detto:

    bellissime foto, fantastica fotografa

  2. Lu ha detto:

    Ci avete visto bene, anzi osservate meglio: non è un’improvvisata, è cresciuta a pane e Cinema. Profondamente sensibile, passionale e appassionata di tutto ciò che è arte… ha una personalità unica, riservata, particolare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *